Rubriche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
  • Rubrica: Spigolature

Ragusa, 25 gennaio 2021 — Leggo sul Corriere della Sera una notizia che potrebbe, se mal gestita, rompere i già precari equilibri campanilistici che da circa mille anni governano la già Contea di Ragusa, poi Contea di Modica e adesso Provincia di Ragusa. Equilibri precipitati nel 1926 e solo da qualche anno ricomposti con estrema fatica e sacrifici (ma pur sempre sul punto di collassare al variare di piccole condizioni e contingenze).

Sul quotidiano di Milano ho letto che una pietanza tipicamente ragusana era (il verbo purtroppo coniugato al passato) la preferita da una coppia che definire importante per la storia italiana è troppo poco.

La pietanza è celeberrima (da queste parti): è il macco di fave, con aggiunta di quanto e come si vuole (dalle cipolle alle vastunachi, dall’acciu al putrisino). E la coppia è ancora più celebre (e ovunque nel mondo, almeno in quello letterario): Alberto Moravia ed Elsa Morante.

Proprio così: i due letterati, pensatori, maître a penser che per molti decenni furono autentici punti di riferimento per il movimento culturale italiano tutto ed in particolare per l’ambiente letterario ai massimi livelli, gustavano appena potevano il macco di fave. Il “nostro” piatto, per i ragusani almeno.

Si tratta di un piatto poverissimo, che alla base ha una purea tratta dal legume un tempo più coltivato e diffuso dell’altopiano ibleo, le fave, appunto. Cotte a lungo sul fuoco e rese cremose, le fave in forma di macco, accompagnate, come si diceva, con quanto si vuole, hanno sfamato generazioni di ragusani. Negli ultimi decenni certamente meno. Il macco ha perso terreno sulle tavole degli iblei, a favore di altri piatti, della tradizione oppure no ma indubbiamente più ricchi e ricercati.

E il sapere che Pincherle alias Moravia e la compagna morta trentacinque anni fa ne erano ghiotti rende quel piatto “più importante”, per quanto povero e pochissimo ricercato.

 

Saro Distefano

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.